lunedì 21 gennaio 2013

Speciale In Nomine Patris

 
Eccoci qui alla prima tappa del blog tour dedicato a questo splendido libro, in questi giorni conosceremo più approfonditamente 8 personaggi di questo romanzo dove ci raccontano i loro momenti precedenti alla loro sacrificazione e non solo il mio primo ospite e Zexim Ghur'na ma prima di lasciargli la parola voglio presentarvi il libro

Seconda tappa:  28.01.2013
Terza tappa:  04.02.213
Quarta tappa:  11.02.213
Quinta tappa:  18.02.2013
Sesta tappa:  25.02.2013
Settima tappa:    04.03.2013
Ottava tappa:   11.03.2013



Titolo: In Nomine Patris
ISBN: 978-88-6247-097-1
Pagine: 346 pp.
Costo di copertina:  14,00
Editore: Linee Infinite
Forze oscure guidano il volere di dèi e mortali, e nemmeno l’onnipotente può opporsi ai suoi doveri. Così, fin dall’inizio dei tempi, il dio dell’universo costringe i mondi viventi a guerre combattute nei regni dell’oltretomba. Otto guerrieri, sacrificati dalle dee dei loro pianeti affinché possano difenderle, scoprono loro malgrado come la morte reclama il dominio sulla vita. Ma dopo millenni di battaglie e apocalissi, i regni dei morti potrebbero conoscere un torneo diverso. Un rivoltoso terrestre e una combattiva teiwaziana, decisi a inseguire i propri desideri, scelgono d’opporsi al più temibile degli avversari: un’ombra né buona né malvagia, che non si cura dei sentimenti dei mortali e degli dèi, non porta una spada e non affronta nessuno a viso aperto. Minaccia i loro mondi, e il suo nome è destino.

Pagina Facebook Dedicata Al Libro: https://www.facebook.com/InNominePatrisBook


Se qualcuno volesse sapere dove aquistarlo il libro puo inviare una mail a questo indirizzo commerciale@lineeinfinite.net indicando i dati qui sopra




L'ultima ora di Zexim

Proprio io, Zexim Ghur'na, unico eletto sotto la luce di Kuhn. Nonostante tutto, stento ancora a crederlo. Eppure i miei anni sono costellati di fatiche e privazioni, di devota obbedienza alle sue leggi, di duri allenamenti per temprare il fisico e notti insonni per formare la mente secondo le sacre scritture. Ho fatto tutto ciò che potevo per seguire la sua volontà, per conquistarmi questo onore. La dea dice di chiamarsi Yuja. Non mi pare di ricordare che sia mai stata menzionata nei testi dei profeti, almeno con questo nome. Mi ricorda Thenn, figlia di Khun e protettrice di Nabukko, ma in fin dei conti non importa il suo nome o come suol farsi chiamare dai mortali: sono certo che sia davvero una dea, lo sento nell'animo. Dice d'essere stata lei a scegliermi, ma io so che in verità s'è fatta messaggera d'un destino da tempo deciso, che Egli ha voluto per me fin da quando sono venuto al mondo. La luce di Kuhn ha sempre illuminato il mio cammino, così come guida le scelte di esseri grandiosi come Yuja. Ed è venuta, questa sua Dea, a domandare la mia vita terrena affinché io incarni la potenza di Nabukko e del mio popolo nei regni oltre la morte, ove mi servirà per difendere questo mondo sacro tra i sacri. Presto morirò monaco per rinascere guerriero, ma quale prova dovrò dunque affrontare? Saranno forse sfide nei suoi regni celesti, empie mostruosità da abbattere, oscuri eserciti da combattere? Saprò certamente essere pronto, ho speso la vita per questo, ma il dubbio dell'ignoto m'attanaglia e m'inquieta. Il dubbio. Peccaminoso vizio, debolezza dei mortali che mi colse anche di fronte all'inesorabile rallentare di questo mio mondo, durante l'allungarsi dei giorni e delle notti. E che feci allora, quando l'apocalisse sembrava sempre più vicina? Mi chiusi nelle grotte, ove sono le torce a decidere quand'è notte oppure giorno, e là attesi e pregai. Pregai, sopravvissi, e alla fine vennero a chiamarmi per dirmi che una dea m'aveva scelto. Nabukko s'è fermato, ma è ancora vivo e ha bisogno di me. Per questo non dovrei avere più dubbi e debolezze, e anzi le scaccerò presto dal mio cuore. Non dovrò mai dimenticare che fino a quando camminerò nel suo sentiero e farò la sua volontà, Egli mi sarà accanto. La mia fede non vacillerà di fronte a nulla, lo pregherò e lo loderò per il bene del popolo che scelse, e so che mi darà la forza di sconfiggere qualsiasi nemico e superare ogni ostacolo. Egli sa quanto m'è costato giungere fino a qui, mi sono impegnato a servirlo da sempre, e questa è la più grande delle chiamate a cui avrei mai potuto ambire. Ed è ora il tempo per l'ultima preghiera da mortale, per ascendere al cielo e pregare ancora tra gli dèi, sempre più vicino al suo regno celeste. Per Nabukko e per Yuja messaggera di Kuhn, per i profeti del passato e per i devoti del presente, per i secoli che furono e per quelli che saranno. Kuhn, io sono pronto.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono sempre graditi. E' bene ricordare però che i commenti offensivi o irrispettosi verranno immediatamente cancellati.
Grazie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...