mercoledì 25 settembre 2013

E un elfo li radunò di Davide Galati (Recensione)

 Pagine: 710
Prezzo: 15,90 euro
Casa editrice: Linee Infinite


Trama: I regni si spaccano al loro interno. Gli eserciti si preparano alla battaglia. I morti vengono risvegliati dalle loro tombe.

Culti misteriosi emergono dalle profondità marine. La forze della natura sono minacciate nella loro essenza. Antichi segreti, nascosti fin dalla fondazione del mondo stanno per essere rivelati.

Un guerriero, un ladro, un sacertode di Wotan, un nano: un'antica amicizia ora diventa oscura. La lotta per salvare un'anima diventa la battaglia per salvare un mondo.

Tutto questo accade quando un elfo li radunò!
Una storia d'amicizia, un grande affresco epico, una riflessione sulla realtà e sul libro arbitrio.





Questor Lainsias, dopo l'ennesimo scontro con Konar Forgiafuoco, suo ex carissimo amico e compagnio d'avventura, decide di tornare nel passato e sistemare le cose una volta per tutte. Ritornerà a quando l'anima del suo amico può ancora essere salvata.


Arrivato nel passato si mette alla ricerca dei suoi vecchi amici, il primo ad essere reclutato sarà Sir Rynthoor Clarosangue, valoroso e forte guerriero adesso sovrano delle terre di Berkelion.

Subito dopo sarà il sommo attiba, Wise a essere reclutato. I tre amici poi si sposteranno ad Alpilles per reclutare il ladro d'anime. Un ladro abile e scaltro, il principe dei ladri Lupin, ma al posto suo partirà il figlio Jellicle e anche se a malincuore gli altri lo accetteranno, ma Lupin non sarà mai lontano dai suoi amici.

Dopo sarà la volta del cherico nano Vysuus, che si trova nelle terre dei Dimenticati, paludose e fredde terre.

Ogni incontro porterà Questor a risvegliare antichi sentimenti, ma anche antichi dissapori. Scoprire nuovi luoghi e leggende. Ogni passo lo porteranno sempre più vicino alla sua metà, trovare i cinque semi dell'Armonia e tramite essi arrivare al Maestro per liberare l'anima del loro amico Konar, ma anche lì,  quando arriveranno dal grande Maestro scopriranno una verità che nemmeno loro potevano immaginare.

Questor e i suoi amici dovranno affrontare diverse prove per arrivare ai semi e una battaglia lunga, dura e piena di dolore.

La missione che Questor e i suoi amici devono portare a termine sarà difficile, ma li aiuterà anche a rafforzare la loro amicizia e a superare le difficoltà che in passato li avevano penalizzati.

Quando ho visto il libro per la prima volta e ho letto il numero delle pagine ho pensato "Oddio sarà una noia, avrà fatto descrizioni assurde", ma come non si giudica un libro dalla copertina non si deve giudicare nemmeno dalle pagine.

Le descrizioni sono dettagliate sì, ma il giusto, quel tanto da farti immaginare d'essere lì, vicino a Questor. La storia prende già dal primo capitolo, che inzia con l'ennesima battaglia tra Konar e Questor.

Da subito ci si innamora dell'elfo. Ma se vi aspettate di leggere dei soliti elfi perfetti e meravigliosi vi sbagliate, gli elfi di Davide Galati sono un po' più, come dire "umani" ed è la cosa che ho apprezzato di più in assoluto. Finalmente si legge di elfi alla nostra pari se ben i poteri di Questor sono forti.

Come ci si innamora di Questor si odia anche Konar, almeno per me è stato così. Ogni volta che la storia parlava di lui desideravo ardentemente che venisse sconfitto al più presto. E' spietato e senza cuore, per giunta anche presuntuoso.

Durante la lettura non manca certo l'occasione per farsi quattro risate grazie al guerriero Rynthoor e al ladro Lupin, sempre pronti a sbeffeggiare il serio Wise.

Rynthoor poi è una forza della natura, uno spasso. E' impossibile non affezionarsi a lui, come non lo è per ognuno di loro.

La storia che Davide Galati ha scritto è bella e coinvolgente. Una cosa che mi è piaciuta davvero tanto è il fatto che ogni personaggio avesse un suo spazio per farsi conoscere e apprezzare, un ottima idea direi.

Ogni descrizione e ogni spiegazione poi viene fatta al momento giusto e l'autore sta attento a svelare solo in piccola parte i segreti, molte volte infatti c'era la fine del capitolo o peggio il paragrafo di quel personaggio che finiva e la voglia di scoprire di spingeva a continuare a leggere. Ogni volta mi dicevo ancora un capitolo, ma poi non era mai solo un capitolo.

Sembra impossibile da dire per un romanzo lungo 710 pagine ma lo si divora in poco tempo.

Quindi riassumendo è un libro che vi consiglierei di non perdere, non rimarrete delusi, fidatevi!!!


Si ringrazia la Linee Infinite per la copia del libro


2 commenti:

  1. Ciao Ilaria, sono Davide Galati, volevo ringraziarti per aver letto il mio libro e naturalmente anche per la recensione. Sono davvero felice ti sia piaciuto, è la più bella soddisfazione per un lettore. Ne approfitto anche per chiederti che cosa ne pensi dei personaggi femminili del libro e se anche tu, come molti altri mi hanno detto, vedresti bene un film tratto da questo libro.

    RispondiElimina
  2. Ciao Davide è un vero piacere conoscerti ^_^
    I personaggi femminili sono favolosi, scusa ho dato poco spazio a loro, lo so, ma Questor mi ha rapito. L'elfo ha proprio un fascino irresistibile xD
    Ho pianto per Mirna e Mimton, ho maledetto Konar tante volte.
    Ci vedevo bene una storia tra Questor e la Potnia.
    Un film?! Sììììì quando!!! Direi che lo vedo bene, un bel film!!!!

    RispondiElimina

I commenti sono sempre graditi. E' bene ricordare però che i commenti offensivi o irrispettosi verranno immediatamente cancellati.
Grazie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...