mercoledì 23 ottobre 2013

Ti Presento Un Grafico

Buona Pomeriggio Dolcissimi Ent come da titolo in questa piccola rubrica vi presenterò alcuni grafici/illustratori i quali saranno felicissimi di lavorare per voi creando le copertine dei vostri libri oggi vi presenterò Corrado Vanelli Grafico/Illustratore Della Casa Editrice Linee Infinite.

Ecco Come Si Racconta: Sono nato nella provincia Cremonese ormai 38 anni fa, nel 1975... eh già, sono proprio vecchio.

Vivo ancora li, più o meno dove sono nato ma con un sacco di capelli in meno e qualche pelo bianco sulla barba ;)

Nonostante abbia fatto studi tecnici, la mia vera passione è sempre stata l'arte. Disegno da quando ne ho memoria, da piccolo ero la disperazione dei miei genitori perché riempivo ogni pezzetto di carta con stupidi (dicevano loro) disegni... ovviamente libri di scuola compresi. Nonostante la mia vita sia sempre stata indissolubilmente legata al carboncino e alla gomma pane, ho scelto di non diventare un illustratore professionista. O meglio, in realtà l'illustrazione è una vera e propria professione per me, solo che non è la mia unica attività. Mi guadagno da vivere lavorando come progettista in una società di automazione industriale, in questo modo ogni volta che qualcuno mi propone una collaborazione posso permettermi il lusso di accettare la cosa solo se veramente mi ispira. Può sembrare banale, ma non doverci pagare le bollette trasforma un lavoro in un piacere e ti regala una libertà che altrimenti non potresti permetterti. Insomma posso essere molto selettivo.

Ci sono state un paio si situazioni in cui delle proposte (molto) allettanti mi hanno fatto tentennare un po' e ho rischiato seriamente di diventare un concept artist/illustratore a tempo pieno; ma poi ho resistito alla tentazione e ho preferito proseguire per mia strada... avrò fatto bene, bah non so... però devo dire che nonostante tutto sono parecchio sereno e non ho particolari rimpianti.

Per il resto direi che mi piace fare un sacco di altre cose, ma principalmente adoro coltivare bonsai e ho una passione spropositata per la filosofia e la spiritualità in tutte le sue forme (ma proprio tutte). Chi mi conosce dice che sono parecchio strano... e mi sa che ha ragione.

E Adesso Passiamo All'Intervista

1. Ciao Corrado benvenuto nel Blog My Secret Diary, ti ringraziamo per aver accettato di rispondere a questa piccola intervista. Quando hai iniziato ad appassionarti alla grafica? 

Grazie a te per avermi contattato e per il tempo che mi state dedicando. Ho iniziato a lavorare (seriamente) con la grafica digitale attorno alla metà degli anni 90 anche se i primi scarabocchi pixelosi li ho fatti sul mio vecchissimo Olivetti alla fine degli anni ottanta... mamma mia, mi sembra di parlare del giurassico... ma non sono così vecchio. Beh, un po' si ma non si vede... beh, un po' si vede ma non fa niente. Comunque la prima versione di Photoshop che ho usato era la 4. Ma adesso siamo alla 13 o alla 14, ho perso il conto. Insomma è passato un sacco di di tempo :(

Ho lavorato per diversi anni anche con Lightwave poi mi sono stancato e sono tornato ai miei vecchi e cari pennelli digitali che mi hanno sempre dato un sacco di soddisfazioni. Sul mio sito trovate alcuni miei vecchi lavori in 3D... giusto se vi va di farvi un tuffo nel passato. 

2. Quali sono i programmi che utilizzi di solito per le tue creazioni artistiche?

Ho lavorato per molti anni con Photoshop e attualmente lo uso in maniera intensiva nel mio lavoro serio, insomma il lavoro quello vero, quello dove mi pagano tutti i mesi ;) Per l'altro lavoro, quello da illustratore dove ti pagano più o meno ogni volta che si cambia un papa, uso esclusivamente Painter. A parte gli scherzi, per tutte le mie illustrazioni uso ormai da diversi anni solo ed esclusivamente il programma della Corel. Painter è davvero pazzesco, ha un modo di simulare i pennelli e di fondere i colori che è davvero unico. E' un po' instabilino, ma che ci vuoi fare, non si può avere tutto a questo mondo. 

3. Quando hai iniziato a lavorare come illustratore?

Non mi ricordo l'anno esatto ma le prime copertine "pubblicate" le ho fatte per Linee Infinite. Prima lavoravo più che altro come modellatore 3D anche se in quegli anni effettivamente non c'era molto da fare in questo settore, sopratutto in Italia. Fortunatamente oggi le cose sono cambiate parecchio.

4. Qual'e stata la tua prima pubblicazione in campo editoriale?

In realtà la prima copertina l'ho fatta per il mio amico Lele (Emanuele Draghetti) per il suo libro "Le ombre del passato". Non avevo nemmeno una tavoletta grafica al tempo e l'immagine l'ho realizzata interamente con il mouse. Il libro è stato poi pubblicato da Linee Infinite Edizioni e ancora oggi credo che sia possibile trovarne una versione digitale su Amazon.

In realtà la copertina non era un granché e riguardandola oggi ci vedo un sacco di errori e di difetti, ma resta comunque un bel ricordo, un po' il mio battessimo del fuoco.

Prima di allora un mio lavoro 3D era stato pubblicato su "D'artiste Character Modeling 2" della Ballistic Publishing nella sezione del mitico Taron che in quegli anni era uno degli artisti digitali 3D più creativi e famosi.

5. Quali sono i tuoi progetti futuri?

Ho iniziato una collaborazione con la Mondadori che si concretizzerà in una serie di pubblicazioni (già a partire dalla fine di questo anno). Ho anche iniziato il mio primo lavoro nel campo dei comics per una casa editrice francese. Al momento non posso parlare dei soggetti nello specifico ma per come si stanno mettendo le cose credo proprio che nei prossimi mesi avrò la fortuna di realizzare lavori davvero interessanti per queste due società. Mi piacerebbe moltissimo poter lavorare a qualche graphic novel e spero che queste prime esperienze mi portino un giorno ad essere molto più presente nel panorama dei fumetti e dei libri illustrati. Mi piacerebbe lavorare anche a qualche videogames, ma le esperienze e i contatti che ho avuto in passato mi hanno fatto capire che il mio stile di vita e il mio modo di lavorare poco si adatta a questo ambiente. Ma non si sa mai...

Ho in programma anche un paio di altri articoli per ImagineFX oltre che altre carte per Applibot.

6. Hai qualche idolo in campo grafico?

Moltissimi. Mi piace spendere molto tempo ad osservare il lavoro degli altri, e da ogni artista imparo sempre un sacco di cose. Quando disegno tengo sempre sulla scrivania libri con stampe di grandi maestri dell'illustrazione e della pittura. Mi piace anche infilare nei miei lavori citazioni di quadri o opere famose. Si può trovare una piccola citazione in quasi ogni mio lavoro. Non voglio dire che ho dei preferiti, perché non sarebbe onesto nei confronti di chi non riuscirei a citare. L'arte è fatta di ispirazione e l'ispirazione la si trova sempre all'esterno di se. Fortunatamente oggi è possibile confrontarsi con illustratori di tutto il mondo senza doversi spostare dal proprio studio. Credo che questo ci renda un po' tutti degli artisti migliori e, perché no, anche delle persone migliori.

7. Come ti senti nel vedere i tuoi lavori  in esposizione in tutte le librerie d'italia?

Le pubblicazioni, in qualsiasi forma e su qualsiasi media, sono sempre un emozione enorme. Vedere un libro con una tua immagine è motivo di grande orgoglio e mi sprona a fare sempre di meglio.

8. La cosa più assurda che ti sia capitata utilizzando Photoshop o Illustrator?

Come dicevo sopra, oggi uso esclusivamente Painter e avrei un elenco infinito di aneddoti su bachi strani che mi hanno portato (quasi) all'esaurimento nervoso. Ne cito solo uso, veramente odioso, della versione 12 fortunatamente risolto da una delle ultime patch. Succedeva che se spegnevi un livello e usavi un certo tipo di strumenti, a volte quando riaccendevi il livello erano scomparse intere porzioni d'immagine. E non sto parlando di pochi pixels, a volte ti trovavi con un buco enorme al centro dell'immagine e non c'era modo di recuperare il lavoro fatto. Carino eh?

Adoro questo programma e non lo cambierei per nulla al mondo, ma come si dice, se ami veramente qualcosa finisci per essere ipercritico nei suoi confronti.

Su Photoshop ricordo che quando lo usai per la prima volta rimasi a bocca aperta. Era il primo programma che usava i livelli (o almeno il primo che io avessi provato) e mi ricordo di essermi commosso davanti al mio vecchio monitor CRT e con una lacrimuccia sulla guancia urlai: "che figata, ma sti qui sono dei geni".

9. Ti Andrebbe di dirci quanto lavoro c'è dietro la realizzazione di una copertina?

Dipende molto dal soggetto, dal numero di personaggi e dalla complessità della scena ma indicativamente i miei lavori non richiedono mai meno di una trentina di ore. Ma ci sono stati casi in cui ci ho investito molto ma molto più tempo.

10. Hai qualche consiglio per gli artisti che vogliono intraprendere la strada dell'Arte Digitale

Disegnare, disegnare e disegnare; su di un computer, su di un foglio di carta, sui banchi di scuola non importa l'importante è disegnare. Non serve molto altro. La sensibilità verso il bello è una caratteristica innata in ogni potenziale artista ma come in tutte le cose è fondamentale l'esercizio e l'allenamento. Solo disegnando molto si può diventare talmente sicuri dei propri mezzi da potersi dimenticare dello strumento che si sta utilizzando. Non bisogna avere fretta e sopratutto bisogna evitare di seguire le mode cercando sempre di rielaborare tutto ciò che si vede e si impara in funzione della propria sensibilità personale. E' molto importante investire del tempo per produrre illustrazioni per il proprio portfolio personale e quando realizzate qualche cosa di buono e di originale non abbiate paura di confrontarvi con gli altri artisti. In internet ci sono moltissime community serie e professionali in cui potete mostrare ciò che avete fatto e ricevere consigli utili per la vostra crescita personale. Se vi siete impegnati e avete creato qualche cosa di interessante (che non significa per forza perfetto) non preoccupatevi perché prima o poi qualcuno noterà il vostro lavoro. E' solo questione di tempo. Magari non sarà la Pixar, ma qualcuno sicuramente vi contatterà. L'importante è cominciare, tutto il resto verrà da se.

E dopo questa bella intervinta non ci rimane che ringraziarti  per essere stato qui con noi quest'oggi ^_^ Vi ricordo che chiunque sia interessato hai lavori di Corrado può contattarlo sul suo Sito per richiedere un preventivo. Grazie ancora per essere stato nostro ospite un grande in bocca a lupo per le tue creazioni future.

Qui Di Seguito Troverete Qualche Suo Lavoro

     

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono sempre graditi. E' bene ricordare però che i commenti offensivi o irrispettosi verranno immediatamente cancellati.
Grazie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...