venerdì 27 settembre 2013

Sabrina Gregori, Qualche piano oltre (Recensione)

Titolo: Qualche piano oltre
Pagine: 253
Prezzo: 12,00 €
Casa Editrice: Linee Infinite

Trama: Nella cornice di un cortile condo­miniale degli anni ’70, Sara e Paolo vivono la loro infanzia uniti da una forte amicizia. Pomeriggi d’estate si allungano tra giochi con gli amici, sogni di supereroi e innocenti fughe in un luogo appartato, solo per loro due, la tana. Qui, un giorno, Sara trova dei disegni nascosti, figure di mostri intrappolate nei fogli di carta: è il segreto di Paolo, tormentato da visioni pericolose e inconfessabili, segni di una realtà che nessuno può comprendere. Per impedire che anche Sara ne diventi vittima, Paolo la prega di dimenti­care ciò che ha visto, e l’amica cancella l’episodio dalla memoria. I due bambini diventano adulti e l’amicizia si trasforma in un senti­mento più intenso, ma la vita di Paolo si copre di ombre che Sara cerca di scacciare, fino a quando... In un giorno come tanti, Sara va a far visita a sua madre, nella stessa pa­lazzina in cui è cresciuta. Entra nell’ascensore e preme il tasto per sa­lire al terzo piano, ma quello che sembra un semplice gesto si rivela una scelta che cambierà la sua esistenza. Chiamata a salvare il suo amico di sempre, Sara supererà i limiti della morte, varcherà le porte dell'inimmaginabile e si troverà a fare i conti con il passato e con i suoi sentimenti, in luoghi dove la paura prende molte forme e il co­raggio ha i contorni dell’infanzia. Qualche piano oltre è un viaggio che sfida il tempo e lo spazio, uno sguardo attento nell’animo di una donna capace di affrontare un percorso di riscatto e consapevo­lezza interiore.



Prima di dare il mio parere su questo libro, ci tengo a sottolineare che Sabrina Gregori, ha il dono della bella scrittura.

E con bella intendo viva, interessante, variegata, mai noiosa, affascinante... e potrei continuare all'infinito.

"Qualche piano oltre", oltre ad essere una storia appassionante, è anche ben strutturata.

L'ho trovata suggestiva, magica, surreale, ardente e a tratti toccante.

Gli ambienti tenebrosi, da romanzo horror, si amalgamo alla perfezione con quelle malinconiche dell'infanzia ormai passata.

L'inquietudine, l'eccitazione, la tensione e la suspense, accompagnano il lettore di pagina in pagina.

In questo libro ho trovato molte metafore che stimolano chi legge la storia, a riflettere sul senso della vita.

Rinunciando ad uno scontato lieto fine, Sabrina riesce a mantenere i lettori con i piedi per terra, raccontando una favola moderna a tratti horror e a tratti romantica.

Consiglio questo libro a tutti, anche a chi solitamente non predilige questo genere.

Complimenti quindi a Sabrina Gregori per essere riuscita a "ipnotizzarmi" con la sua storia, divorata in sole due notti.

"Qualche piano oltre è un viaggio che sfida il tempo e lo spazio, uno sguardo attento nell'animo di una donna capace di affrontare un percorso di riscatto e consapevolezza interiore".

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono sempre graditi. E' bene ricordare però che i commenti offensivi o irrispettosi verranno immediatamente cancellati.
Grazie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...